Religione (Cieli, Inferni, Angeli, Lucifero, Limbo, Purgatorio)

empireo struttura cosmo inferno paradiso purgatorio

Educato al rispetto delle buone maniere, confesso francamente che fui istruito in ossequio alla religione ufficiale del mio paese.

In piena liturgia, mi parve sempre detestabile scorrazzare con qualcuno per la soffitta in vena di monellerie.

Fin da piccolo mi formai al senso di venerazione e di rispetto. Mai azzardai un’alzata di spalle nelle cerimonie di culto né mai mi parve opportuno scantonare dai miei doveri religiosi né ridere o burlarmi delle cose sacre.

Senza mettermi ora in un ginepraio, devo dire soltanto che in quella setta mistica -non importa ora il suo nometrovai principi religiosi comuni a tutte le confessioni del mondo. Citarli qui di seguito è cosa opportuna per il bene della Gran Causa.

Continua a leggere

L’Inferno

Domanda – Secondo l’opinione degli ambienti scientifici, l’inferno di fuoco e fiamme di cui ci parla la religione cattolica non è più accettabile, oggi, se non come una superstizione religiosa… è vero Maestro?

Risposta – Qualunque inferno di carattere religioso è esclusivamente simbolico.

A questo proposito, vale la pena di ricordare l’inferno di ghiaccio delle tradizioni nordiche, l’inferno cinese con tutti i suoi gialli supplizi, l’inferno buddista, quello maomettano o l’Isola Infernale degli antichi abitanti del Paese di Maralpleice, la cui civiltà è oggi nascosta tra le sabbie del deserto del Gobi.

I vari inferni tradizionali rappresentano comunque, con molta efficacia, il regno minerale sommerso.

Non dimentichiamo che Dante trovò il suo Infernus nelle vive viscere della Terra, come si può vedere nella “Divina Commedia”

D.- Maestro, lei ci parla di un mondo minerale sommerso ma le perforazioni effettuate da parte di compagnie minerarie, petrolifere e di altro genere non hanno rivelato alcun indizio di un mondo vivente che possa trovarsi anche soltanto nel primo strato inferiore della Terra. Dove si trova questo mondo minerale sommerso?

R.- Anche a questo proposito mi lasci dire che il mondo tridimensionale di Euclide non è tutto.

Al di sopra di questo mondo di tre dimensioni (altezza, larghezza e profondità) esistono evidentemente varie dimensioni superiori. Allo stesso modo, per la legge degli opposti, al di sotto di questa zona tridimensionale vi sono anche varie infradimensioni di natura minerale e non appariscente.

L’inferno dantesco corrisponde senz’altro a queste infradimensioni.

D.- Maestro, mi scusi se insisto ma tra tutti i libri che ho passato in rassegna, di mia iniziativa e per le mie inquietudini, non ricordo alcuno scritto o documento che parli anche lontanamente di tali infradimensioni né, tantomeno, di come le si possa scoprire. Perciò le chiedo: che motivo c’è di parlare di infradimensioni se, fino a dove ho potuto constatare, nessun essere umano le ha viste nè toccate con mano?

R.- La sua osservazione non è di poco conto. È però necessario chiarire che il Movimento Gnostico Cristiano Universale ha sistemi, metodi di sperimentazione diretta mediante i quali poter verificare la cruda realtà delle infradimensioni della Natura e del Cosmo.

Possiamo e dobbiamo ubicare i nove cerchi danteschi esattamente sotto l’epidermide della Terra, all’interno dell’organismo planetario sul quale viviamo.

È ovvio che i nove cerchi corrispondono logicamente a nove infradimensioni naturali.

I nove cieli della “Divina Commedia” dantesca sono evidentemente nove dimensioni di tipo superiore, intimamente correlate con le nove di tipo inferiore.

Chi abbia avuto occasione di studiare la “Divina Commedia” dal punto di vista esoterico non può ignorare la realtà dei Mondi Inferni.

D.- Maestro, che differenza fondamentale esiste tra gli inferni del cattolicesimo e quelli di cui parla il Movimento Gnostico?

R.- La differenza che esiste tra gli inferni simbolici di una religione o d’un’altra è la stessa che può esserci tra bandiera e bandiera di nazioni diverse. Ogni Paese evidenzia la propria esistenza con un emblema nazionale; così pure, ogni religione simbolizza i Mondi Sommersi con qualche allegoria di tipo infernale.

Tuttavia, inferni cristiani, cinesi o buddisti, ecc., tutti quanti, in fondo, non sono altro che rappresentazioni diverse per indicare il crudo realismo degli inferni atomici della Natura e del Cosmo.

D.- Perché la gente fa brutti sogni, come volgarmente si dice? Che cosa succede in questo caso? Andiamo forse a finire in quei mondi infradimensionali?

R.- Vorrei che aveste ben chiaro che cosa sono in effetti gli incubi.

L’Anatomia Occulta insegna che nel basso ventre esistono sette porte infernali, sette chakra inumani o vortici negativi di forze sinistre.

Può darsi il caso di qualcuno che, dopo un’indigestione per un pasto troppo pesante, metta in attività con tale abuso questi chakra infernali. Si aprono allora le porte abissali, come insegna la religione maomettana, e il soggetto penetra quella notte nei Mondi Inferni.

Questo si rende possibile per lo sdoppiamento della personalità. Non è difficile per l’ego penetrare nella dimora di Plutone.

I mostri degli incubi esistono realmente; hanno avuto origine nei tempi arcaici e abitano di norma nelle infradimensioni del mondo minerale sommerso.

D.- Questo vuol dire, Venerabile Maestro, che all’Inferno non entrano solo coloro che muoiono senza aver salvato la propria Anima?…

R.- È del tutto evidente che anche i vivi penetrano nei Mondi Inferni, come stanno a dimostrare gli incubi. La parte infracosciente dell’uomo è di natura infernale; si potrebbe senz’altro dire che negli inferni atomici dell’uomo si trovano tutti gli orrori dell’abisso.

In altre parole, voglio far rilevare quanto segue: gli abissi infernali non sono per nulla estranei al nostro subconscio e infraconscio. Ora capirete il motivo per cui è tanto facile penetrare in qualsiasi momento nei nove cerchi danteschi.

D.- Maestro, non riesco proprio a capire perché prima ci dice che i Mondi Inferni si trovano nelle infradimensioni della Terra e poi specifica che questi abissi atomici si trovano dentro di noi. Vorrebbe essere tanto gentile da chiarirmi questo punto?

R.- Chi voglia scoprire le leggi della Natura deve cercarle dentro se stesso. Chi non trovasse in se stesso quanto cerca, non lo troverà mai fuori di sé.

Gli antichi dicevano:
“Uomo conosci te stesso e conoscerai l’universo e gli Dei”.1

Tutto quanto esiste nella Natura e nel Cosmo dobbiamo cercarlo al nostro interno.

Così, quindi, i nove cerchi danteschi dell’inferno si trovano dentro noi stessi, qui ed ora.

D.- Maestro, ho avuto incubi in cui ho visto un mondo fatto di oscurità e abitato da parecchi mostri; può essere che sia entrato in quei mondi infradimensionali o infernali?

R.- Occorre capire che queste infradimensioni si trovano nel fondo sommerso della nostra natura. Torno a dire che con gli incubi si aprono ovviamente le sette porte degli inferni atomici del basso ventre e allora discendiamo nei mondi sommersi.

Sono rare le persone che nella loro vita non hanno mai fatto visita al Regno di Plutone. Sarebbe però opportuno che nel riflettere su questa faccenda pensassimo alla cruda realtà naturale di quei mondi che si trovano nelle infradimensioni del nostro pianeta.

Immaginiamo per un istante dei mondi che si compenetrino a vicenda senza confondersi, in regioni densamente popolate, ecc. Non dobbiamo assolutamente prendere alla lettera le allegorie religiose:

“Ricerchiamo lo Spirito che vivifica e dà valore!”2

I vari inferni religiosi simboleggiano realtà crudamente naturali. Non bisogna confondere i simboli con i fenomeni cosmici in sé stessi.

D.- Maestro, vorrei che mi spiegasse qualcosa di più su questi Mondi Inferni, perché negli incubi che ho avuto non ho mai visto luce né espressioni gradevoli; potrebbe dirmene il motivo?

R.- Le risponderò con piacere. Le tenebre infernali sono una diversa modalità della luce: corrispondono infatti alla gamma dell’infrarosso.

Gli abitanti di tali dominii sotterranei percepiscono le differenti variazioni di colore che appartengono a questa zona dello spettro solare.

Vorrei far capire che tutti i colori esistenti nell’ultravioletto si trovano anche nell’infrarosso.

Che esiste un giallo dell’ultravioletto è risaputo; anche nell’infrarosso, però, esiste il giallo – in forma diversa- e altrettanto succede con gli altri colori. Di conseguenza, torno a sottolineare quanto segue: le tenebre sono una diversa modalità della luce.

È evidente che gli abitanti del regno minerale sommerso, trovandosi ben lontani dal Sacro Sole Assoluto, sono perciò spaventosamente brutti e di rara perfidia.

D.- Maestro, posso ammettere che nei mondi sommersi della Terra esista e ci abiti ogni tipo di mostri, ma come è possibile che io riesca effettivamente a trovare quei mondi dentro me stesso… tanto piccolo in confronto al pianeta?

R.- Mi permetta di dire che qualsiasi molecola di amido, di ferro o di rame, ecc., è tutto un sistema solare in miniatura. Un discepolo di Marconi immaginava esattamente il nostro Sistema Solare come una grande molecola cosmica.

Chi non vede in una semplice molecola il movimento dei pianeti intorno al Sole è sicuramente molto lontano dal comprendere l’astronomia.

Nulla è privo di relazioni in questo universo: è proprio vero che non esiste effetto senza causa né causa senza effetto. Così pure, in ciascuno di noi ci sono forze e atomi che si correlano parte con le sfere celesti, parte con le sfere infernali.

Bisogna sapere che nel nostro organismo esistono centri psichici che ci pongono in relazione con le nove dimensioni superiori del Cosmo o con le nove dimensioni inferiori.

Ho già detto chiaramente che questo mondo tridimensionale in cui viviamo non è tutto, poiché al di sopra abbiamo le dimensioni superiori e al di sotto le inferiori.

Tutte queste dimensioni, celesti o infernali, sono senz’altro connesse con i diversi lati della nostra psiche e perciò, se non le scopriamo dentro noi stessi, non le scopriremo mai da nessuna parte.

D.- Maestro, lei usa spesso la parola abissi atomici; perché atomici?

R.- Domanda molto opportuna! Rispondo con piacere. Innanzitutto voglio che sappiate che ogni atomo è una triade di materia, energia e coscienza.

Soffermiamoci un istante sulle intelligenze atomiche: è chiaro che ve ne sono di solari e di lunari. Esistono, perciò, anche intelligenze atomiche maligne di un’abiezione tremenda.

Gli atomi del nemico segreto, al nostro interno, sono controllati da un certo atomo maligno, posto esattamente nell’osso coccigeo.

Atomi di questo tipo causano malattie e provocano in noi diverse manifestazioni di perversione.

Allarghiamo un po’ il discorso e pensiamo un momento a tutti gli atomi maligni del pianeta Terra. I più densi, i più demoniaci abitano ovviamente nella dimora di Plutone, vale a dire nelle infradimensioni del mondo in cui viviamo. Ora capirà il motivo per cui parliamo di abissi atomici, di inferni atomici, ecc…

D.- Credo che la maggior parte di noi, quando ragiona in termini di atomi, si immagina qualcosa di infinitamente piccolo. Quando poi ci sentiamo dire che tutti i soli e i pianeti del Cosmo costituiscono un atomo, restiamo un po’ disorientati nei nostri ragionamenti. È coerente quanto dico, Maestro?

R.- Non ho mai inteso ridurre tutto l’Universo o gli Universi ad un semplice atomo. Mi consenta di dire che i pianeti, i soli, i satelliti, ecc., sono costituiti da somme di atomi e questo è diverso, non le pare? Se in qualche punto del mio discorso ho paragonato il Sistema Solare ad una grande molecola, l’ho fatto basandomi sulla legge delle analogie filosofiche… non ho mai voluto ridurre questo sistema ad un semplice atomo.

1 (Attribuito a Talete da Diogene Laerzio: “Vita e Dottrine dei Filosofi”, I, 40, N.d.Tr.) 2(cfr. Paolo, II, Cor. III, 6. N.d.Tr.)

V.M. Samael Aun Weor L’Inferno, il Karma, il Diavolo (1973) (indice libro e download PDF gratis)

Inferno Karma e Diavolo – V.M. Samael Aun Weor

Inferno Karma Diavolo VM Samael Aun Weor

MESSAGGIO DI NATALE 1973 – 1974

Prima edizione: “SÍ: HAY INFIERNO, DIABLO Y KARMA”
Colombia, 1973

Edizione italiana digitale: gnosipratichelibri.wordpress.com

Download gratuito PDF: L’Inferno, il Karma, il Diavolo VM Samael Aun Weor (1973)

Contenuto del Libro

  1. L’INFERNO
  2. I TRE ASPETTI DELLE VISCERE DELLA TERRA
  3. I SETTE COSMI
  4. MONADI ED ESSENZE
  5. PRIMO CERCHIO INFERNALE O DELLA LUNA
  6. SECONDO CERCHIO INFERNALE O DI MERCURIO
  7. TERZO CERCHIO DANTESCO O INFERIORE DI VENERE
  8. QUARTO CERCHIO INFERNALE O SFERA SOMMERSA DEL SOLE
  9. QUINTO CERCHIO DANTESCO O SFERA SOMMERSA DI MARTE
  10. SESTA SFERA SOMMERSA O DI GIOVE
  11. SETTIMA SFERA SOMMERSA O DI SATURNO
  12. OTTAVO CERCHIO DANTESCO O DI URANO
  13. NONO CERCHIO DANTESCO O DI NETTUNO
  14. IL MOTO PERPETUO
  15. LA DISSOLUZIONE DELL’EGO
  16. IL DIAVOLO
  17. IL DRAGO DELLE TENEBRE
  18. CRIPTE SOTTERRANEE
  19. GUERRA NEI CIELI
  20. LA LEGGE DELL’ETERNO RITORNO
  21. LA REINCARNAZIONE
  22. LA LEGGE DELLA RICORRENZA
  23. LA CHIOCCIOLA DELL’ESISTENZA
  24. LE CONTRATTAZIONI
  25. L’ESPERIENZA DIRETTA

Edizione digitale: gnosipratichelibri.wordpress.com

Download gratuito PDF: L’Inferno, il Karma, il Diavolo VM Samael Aun Weor (1973)